Caro Sofri, il libro è alla fine? Ma manco per idea!

| 19 Comments






bodoni
Sarò molto sintetico. Tutte le affascinanti analisi su cui Luca Sofri basa la sua sentenza sulla Fine dei libri (già cautamente ridimensionato dalle osservazioni di Massimo Mantellini) hanno un grosso difetto: non contengono un numero che sia uno. Vizio (questo della non-documentazione) un po’ troppo diffuso a cui sarebbe bene non indulgere, almeno quando ci si avventura su profezie quantificabili e misurabili, come la fine o no di un prodotto.

Non contenendo un numero che sia uno, posso con tutta tranquillità affermare che quel che dice Sofri non è vero, è già stato smentito dai fatti sul mercato USA, sta già succedendo in quello UK, succederà progressivamente sugli altri mercati che stanno seguendo a ruota. Ecco come funziona: il mercato del libro di carta (come già a suo tempo quello dei giornali e delle riviste, e quindi, rectius, il mercato della carta stampata) non è più sostenibile, e declina progressivamente. Grazie all’ebook (per ora significativo solo nel settore trade, fiction e non-fiction, il buon vecchio libro fatto di solo testo o quasi, per capirci) già da due anni il valore complessivo del mercato è tornato a crescere. E il numero di copie distribuite (visto che il prezzo medio dell’ebook è più basso di quello dei libri di carta) è aumentato ancora di più. Insomma: l’ebook sta più che compensando il calo dei libri di carta; i forti lettori si spostano sempre più sull’ebook, e leggono ancora più libri di prima; nelle metropolitane e sui treni sono sempre di più giovani e vecchi che circolano leggendo un ebook.

Mi si obietterà che neanche io sto fornendo pezze d’appoggio, cifre a supporto delle mie affermazioni. Lo faccio di proposito. Io le mie cifre le ho, ma non le dico. Non sono io ad aver sparato la sentenza sulla fine dei libri. Pubblicherò le mie cifre solo quando Luca esporrà quelle in suo possesso, if any.

[BONUS HINT: più che alla fine del libro, stiamo assistendo alla fine del sistema di potere costruito attorno al libro di carta, alla sua tecnologia e alla sua filiera. Succede, col digitale, e non solo al libro.]
[Disclaimer: io di libri, nella forma di ebook, ce campo.]

This post is also available in: Inglese