Ebook e Biblioteche

| 4 Comments

Domani pomeriggio dovrò intervenire al 57° Congresso Nazionale AIB (Associazione Italiana Biblioteche), dove si parlerà ovviamente di ebook.

Nel tentativo di preparare qualcosa di sensato per il mio intervento, ho ripescato nei meandri delle mie clouds un appunto digitale del 6 novembre 2010, che avevo tenuto per me, in cui cercavo di rispondere alla domanda “come può funzionare un servizio di prestito digitale?“. A me sembrava ovvio dovesse essere così, e invece il mondo pare andare in tutt’altre (e più complicate) direzioni. Ciononostante a me sembra ancora oggi ovvio che debba andare… come dico io ;)
Domani riproporrò pubblicamente questa mia visione, magari è la volta buona che mi convincono del contrario :)

[Legenda: "Alexandria" è il nome in codice che avevo scelto per il servizio di digital lending ad uso delle biblioteche di Simplicissimus Book Farm. Non è ancora in piedi, e il nome probabilmente sarà un altro]

This post is also available in: Inglese